Villa Zirio

Villa Zirio prende il nome dal primo committente l’Avv. Cavalier Giambattista Zirio, banchiere in Marsiglia, che nel 1868 la fece costruire per abitarvi con la moglie Marie Grandval durante i soggiorni nella città natale. Fu incaricato della costruzione l’architetto francese Bèrenger; le opere di falegnameria e le apparecchiature per l’illuminazione a gas giunsero dalla Francia, mentre i marmi decorati furono realizzati dallo scultore locale Filippo Ghersi, e gli affreschi dai pittori genovesi Francesco Semino e Giovanni Novaro. 

Nella villa si trova ancora funzionante l’ascensore n° 2 della ditta Stìgler – Otìs montato dalla Ditta sanremese Fratelli Gazzano di via Marsaglia; il progetto del giardino fu affidato all’architetto Winter di Bordighera e realizzato dai vivaisti Fin e Cullino già fornitori di S.A.R. il Duca di Aosta.  Alla morte del Cavalier Zirio la vedova, fondatrice della Croce Rossa sanremese, sposò il Marchese Agostino Borea d’Olmo e la Villa passò al Senatore Ernesto Marsaglia che la affittò a quello che sarà il suo più illustre ospite: il futuro Kaiser Federico Guglielmo ( 1831-1888).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.